La figura dell’R.L.S.

Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori è obbligatoria la presenza del Rappresentante dei Lavoratori; invece per la Aziende con meno di 15 lavoratori è a discrezione dei lavoratori stessi tale opportunità, i quali possono richiedere al Datore di Lavoro di organizzare l’elezione dell’RLS. Il Datore di Lavoro affiggerà in modo chiaro e pubblico (ad es in bacheca) la data delle elezioni. I candidati saranno chiaramente indicati e si procederà successivamente al voto segreto, allo spoglio e alla nomina. Per le Aziende con più di 15 lavoratori, l’eleggibilità del rappresentante fra i lavoratori non appartenenti alle RSA è ammessa soltanto quando in azienda non sia presente una rappresentanza sindacale.
Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori quindi l’individuazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza va effettuata nell’ambito delle rappresentanze sindacali costituite in azienda (RSA), tuttavia non solo nelle modalità disciplinate dall’art. 19 dello Statuto dei Lavoratori.
Infatti, la regolamentazione delle modalità di elezione o designazione dei RLS può essere definita dalla contrattazione collettiva di riferimento ed, in effetti, numerosi accordi interconfederali nazionali regolano la predetta rappresentanza ai sensi del D.Lgs n. 81/2008 sulla Sicurezza sul Lavoro.
Inoltre, “l’eleggibilità del rappresentante, direttamente fra i lavoratori dell’azienda, opera esclusivamente laddove non sia presente una rappresentanza sindacale in azienda, in una delle diverse forme suddette.”

La figura dell’R.L.S. was last modified: gennaio 15th, 2015 by Paolo Brovia

I commenti sono chiusi.